Quando si vive in condominio, capita spesso di lamentarsi dei rumori proveniente dai vicini dell’appartamento del piano di sopra. Ma se i vicini di sopra fossimo noi?

Come dice il detto, è facile accorgersi della pagliuzza nell’occhio del tuo nemico, meno della trave che è nel tuo. Fuori di metafora: quando siamo noi a far rumore, non ce ne rendiamo conto.

 

Questo accade anche perché i soffitti amplificano i rumori, propagando le vibrazioni prodotte dal suono. Un bicchiere che cade o i bambini che corrono, al piano di sotto in modo più forte, fino a cinque volte tanto.

 

Se quindi avete degli orari particolari per cui rientrate di notte, o avete bimbi piccoli e volete giochino liberamente, valutate un isolamento acustico a Roma del vostro pavimento. Gli esperti del settore vi consiglieranno la tecnica migliore per il vostro caso. Ecco quali sono le più utilizzate.

 

Pavimento galleggiante

 

La tecnica chiamata del pavimento galleggiante è sicuramente la più completa, e regala un isolamento acustico totale. Consiste nel separare il solaio portante, ovvero la parte del tetto dell’appartamento sottostante, dal pavimento calpestabile; qui viene inserito il materiale fono assorbente.

 

Il disagio però consiste nel fatto che, come è comprensibile, è necessario demolire completamente la superficie del pavimento, piastrelle o parquet che sia. E’ quindi una soluzione da scegliere in fase di costruzione o ristrutturazione.

 

Rivestimento

Come si fa per pareti e soffitti, è possibile installare sul pavimento dei pannelli fono assorbenti, per poi ricoprirli con materiale calpestabile. Non è quindi necessario demolire nulla, ma dovete tenere anche conto che perderete qualche centimetro in altezza. Inoltre, dovete spostare i mobilie e riposizionarli: prendete le misure se alcuni di questi arrivano fio al soffitto.

 

Soprattutto, questa tecnica attutisce di molto i rumori, ma non li elimina del tutto. E’ una buona soluzione per normali rumori nei condomini, meno se avete situazione di particolare rumorosità.

 

Resina

Negli ultimi anni, sempre più comune è l’uso della resina. Il materiale, in forma di liquido trasparente, si stende semplicemente sopra il pavimento. Crea così una pellicola in grado di assorbire urti e rumori.