Avere tutti i dispositivi antincendio in regola è solo il primo passo per garantire una corretta sicurezza in caso di incendio nei luoghi pubblici o sul luogo di lavoro. Le normative antincendio parlano chiaro e non lascino ombra di dubbi: oltre a predisporre i vari presidi, è necessario preoccuparsi anche di una regolare manutenzione impianti antincendio e presidi per la sicurezza nel caso divampino le fiamme. È molto semplice capire come mai: sono inutili. Senza una manutenzione, l’estintore potrebbe non entrare in funzione nel momento del bisogno, il segnalatore di fumo resta spento anche in presenza di fumo denso, le uscite di sicurezza non si aprono quando è il momento di fuggire dai locali.

Insomma, in altre parole è come avere un televisore che non funziona, un rubinetto che non eroga acqua, un termosifone che non riscalda, un condizionatore da cui non esce aria fredda. Qual è l’utilità? Proprio nessuna! Nel caso di estintori e altri presidi incendio è anche peggio però. Infatti, il loro scopo non è quello di assicurare un certo confort domestico o fornire intrattenimento, ma garantire una certo livello di sicurezza. Si tratta di prodotti ben diversi che devono rispondere a certe esigenze nel momento in cui si presentano. Sono essenziali per ridurre o eliminare un rischio di incendio. Sono del tutto inutili e inefficaci se non sono correttamente funzionanti.

Non si tratta solo di preoccuparsi della loro funzionalità; le operazioni di manutenzione devono assicurare ulteriori parametri a cui forse non tutti pensano in prima battuta. Per esempio, deve esserci sempre un libero passaggio per arrivare a tali presidi. Le vie di fuga devono esser libere, ben accessibili e le porte tagliafuoco devono essere sempre aperte e non chiuse a chiave o con un lucchetto. Occorre anche una corretta segnalazione con cartelli e indicazioni di dove sono ubicati gli estintori o le manichette dell’acqua al fine di individuarli nel momento in cui serve senza perdite di tempo prezioso, perché la tempestività può fare un’enorme differenza in situazioni ad alto rischio.