Nei mesi più freddi dell’anno non puoi permetterti di dimenticare la tua piscina interrata. Anche se la stagione dei bagni è ormai finita, devi occuparti del tuo impianto e non abbandonarlo a se stesso. Qualche lavoretto in più ora, ti risparmia grandi fatiche la prossima primavera. Ad esempio, lo sapevi che se esegui con cura la manutenzione autunnale e la messa a riposo della struttura, non dovrai svuotare tutta l’acqua della vasca il prossimo anno? Un bel risparmio vero?

Certe volte è più il pensiero di doverlo fare che altro. Perché in realtà prendersi cura della propria piscina durante l’inverno non è affatto difficile.

Se copri la piscina sei già a metà lavoro

Il posizionamento della copertura invernale è senza dubbio l’accorgimento più importante di tutti. Il principale impegno in questo caso è ancorarla bene al suolo, in modo tale da non lasciare filtrare acqua piovana e da tenere alla larga anche i depositi più piccoli. Se scegli una buona copertura puoi stare sicuro che la tua piscina sarà protetta fino a primavera. Esistono diversi modelli, dai teli di sicurezza a quelli antigelo, quello che davvero conta è che siano resistenti, perfettamente isolanti e leggeri. Grazie ad un valido telo, infatti, non tieni solo lontani detriti e sporcizia, ma salvaguardi lo stato dell’acqua evitando la proliferazione di alghe e proteggi il rivestimento interno dagli sbalzi termici e dall’azione dei raggi UV.

 

Il prodotto svernante può fare miracoli

A patto che prima si sia effettuato un efficace trattamento d’urto. La superclorazione serve ad ossidare le ultime particelle rimaste e a permettere all’impianto di filtrazione di catturarle sterilizzando a fondo la struttura. Il prodotto svernante, invece, prolunga l’effetto della superclorazione. Dotato di un forte potere alghicida e sequestrante, impedisce la formazione di alghe e il deposito di metalli sul fondo della struttura. Inoltre, impedisce la solidificazione dell’acqua quando la temperatura scende sottozero.

 

Per fare le cose per bene ci vuole la procedura d’invernaggio

Forse ti può sembrare faticosa e poco utile, ma la serie di operazioni consigliate per chiudere correttamente l’impianto, sono tutt’altro che tempo sprecato e a primavera ne avrai la conferma! Si inizia quando la temperatura scende al di sotto dei 15° e si tratta di pulire ogni componente dell’impianto, trattare l’acqua a dovere e controllare il locale tecnico e i filtri.

Due trucchi salvavita

Per essere sicuro del risultato e trovare la piscina in buono stato a primavera, allora accendi l’impianto di filtrazione una volta a settimana e verso metà inverno aggiungi del prodotto svernante. Se svolgi con cura i lavori adesso, sarai ampiamente ripagato per il tuo impegno la prossima stagione quando risparmierai un sacco di tempo e darai un taglio netto ai consumi!

Fonte