SmartBoxEcco l’ennesimo caso di evasione fiscale in Italia: ormai nel nostro Bel Paese non fa più scalpore sentire notizie relative ad evasioni varie, tanto che statisticamente ogni anno vengono sottratti alla collettività oltre 180 miliardi di Euro. Non fa più scalpore, è vero, ma l’indignazione è tanta e con l’ultima notizia, che sembrerebbe riguardare il colosso francese Smartbox, operante in Italia attraverso una società irlandese, ha raggiunto livelli davvero esagerati!

Sembra infatti che Smartbox abbia ricevuto una visita da parte della guardia di finanza, la quale avrebbe riscontrato irregolarità per un ammontare di oltre 100 milioni di Euro: si tratta di cifre da capogiro, che se restituite alle casse dello Stato Italiano qualcosa potrebbero cambiare. Per questo il portale Activism.com, da sempre impegnato nella lotta all’evasione fiscale e nella denuncia sociale, ha deciso di pubblicare una petizione, indirizzata al Presidente del Consiglio, al Ministero dell’Economia e all’Agenzia delle Entrate.

A quanto pare, il colosso francese avrebbe un debito davvero altissimo quindi nei confronti dello Stato Italiano, e nella petizione viene chiesto di fare chiarezza sulla questione e di rendere pubblica la vicenda, che per adesso è rimasta ben lontana dall’arrivare alle orecchie dell’opinione pubblica. Ma cosa viene chiesto nella petizione? Quali sono gli obiettivi a cui si punta?

Le richieste sono chiarissime, e del tutto comprensibili viste le grosse cifre che ci sono in ballo e che, se restituite alle casse italiane, potrebbero davvero fare la differenza! Si sviluppano in 4 punti, ossia: restituire i soldi agli italiani, reprimere e punire società che portano avanti azioni eventualmente illegali, abbassare le tasse una volta recuperato il denaro e renderci fieri di essere italiani.

Soffermiamoci dunque su quest’ultimo punto: vogliamo far sentire la nostra voce? Vogliamo dire basta alle grandi multinazionali che evadono il fisco a nostre spese? Vogliamo essere cittadini di un Paese in cui le regole funzionano e non vanno a colpire solo i cittadini onesti, che pagano regolarmente le tasse e per questo sono spesso costretti a stringere la cinghia? Vogliamo arrogarci il diritto di essere fieri di vivere in Italia? Firmiamo allora tutti questa: petizione smartbox

Le informazioni riportate nell’articolo fanno riferimento ai dati presenti in questo link, non sono frutto di ricerche o opinioni dell’autore dell’articolo: FONTE

L’autore dell’articolo non è quindi responsabile dei contenuti del link in questione, avendo riportato solamente i dati pubblicati da quel sito.