Comunemente le sedie ergonomiche sono associate al lavoro, mentre, in realtà, è un attributo che viene dato anche a quelle che si usano in altri ambiti, come a casa, in una sala congressi e in locali pubblici.

Le norme che disciplinano questo settore distinguono le sedie da lavoro dalle sedie ospite o visitatore.

Inoltre, gli enti di controllo impongono una serie di test per garantire la sicurezza delle sedie ergonomiche.

Se la fabbricazione e l’utilizzo delle sedie è normato dallo Stato e dell’Unione Europea, significa che sono elementi davvero importanti nella vita di tutti.

La sedia da lavoro: perché meglio ergonomica.

Molte persone durante la settimana passano più tempo sul luogo di lavoro e meno nella propria abitazione.

Scegliere la sedia giusta per lavorare comodi è una necessità. Non basta una seduta confortevole per stare tranquilli, ma bisogna pensare anche alla salute.

Dieci ore al giorno passate in posizioni non corrette sono sicuramente un fattore di rischio per la struttura della colonna vertebrale.

Una sedia ergonomica deve permettere al lavoratore di mantenere una postura ottimale. Un sedile giustamente ampio e uno schienale pensato appositamente per assecondare la sinuosità della schiena, sono gli elementi basilari che influiscono sulla posizione che si assume stando seduti.

Le sedie da ufficio solitamente presentano anche una serie di meccanismi di regolazione che permettono di personalizzare l’altezza, l’inclinazione dello schienale, la posizione dei braccioli. Questi sono fattori che, se impostati nel modo corretto, permettono una seduta perfetta durante tutto il giorno.

La sedia visitatore: anche gli ospiti sono comodi e sicuri.

Anche le sedie per gli ospiti che frequentano uffici, ristoranti, hotel, bar devono sottostare alle stesse norme delle sedie da lavoro e sono sottoposte a test che ne verificano la robustezza e la sicurezza.

Lo studio dell’ergonomia di sedie che verranno utilizzate in luoghi pubblici, deve considerare anche tutti gli elementi utili a evitare pericoli.

La struttura e i materiali con cui vengono costruite sono importanti quanto il confort che può dare una seduta ben imbottita e uno schienale progettato con attenzione.

Anche se il tempo passato seduti in un ristorante o in bar è limitato, quindi non può essere uno dei fattori che causa disturbi come l’ernia del disco, le sedie progettate per questo uso devono evitare problemi come ad esempio spigoli acuminati e bordi taglienti, fragilità delle gambe e di altri elementi.

In conclusione, si può affermare che una sedia ergonomica deve restituire una grande sensazione di comodità, essere funzionale e soprattutto sicura.

Sfoglia l’ultimo interessante articolo sui trend delle sedute ergonomiche individuati da Albaplus: “3 comodità delle sedute ergonomiche: non vorrai più tornare indietro”.