Il metodo Souchard è sistema di rieducazione posturale cui spesso fa ricorso il fisioterapista a domicilio a Milano. Per capire meglio di cosa si tratta come funziona, basta continuare a leggere i paragrafi che seguono.

Di che cosa si tratta

Noto anche con il nome di rieducazione posturale globale, il sistema Souchard prevede di ricorrere alla medicina olistica, all’agopuntura e all’omeopatia per un trattamento individuale globale che risolve le cause di una lesione o patologia. Può trattarsi di un problema congenito presente fin dalla nascita oppure che deriva in seguito a un trauma o incidente. Lo scopo di questa metodologia the allungare e tonificare i muscoli. In particolare, ci si concentra su quelli antigravitari sono costantemente coinvolti Durante il giorno e possono subire un accorciamento. Infatti, alcuni movimenti ripetuti nel tempo e posizioni scorrette possono portare alla contrazione dei muscoli.

Qual è lo scopo del metodo Souchard

Il fisioterapista a domicilio a Milano lavora spesso sull’accorciamento compensatorio cioè su tutte quelle compensazioni che ogni giorno il nostro corpo fa senza rendersi conto che possono portare a scompensi anche molto dolorosi. L’approccio globale di questo metodo significa correggere tutto allo stesso tempo in maniera che le correzioni simultanee eliminino la causa. Concretamente, la fisioterapista domiciliare a Milano studia diverse posture che puntano ad allungare le catene muscolari e i tessuti irrigiditi.

A chi serve

Il metodo Souchard viene applicato in tanti casi differenti grazie al suo approccio globale che permette di personalizzare le tecniche riabilitative in base al problema riscontrato. Per esempio, sistema molto efficace il caso di dolori osteo articolari, mal di schiena, dolore alla cervicale, nevralgia, sciatalgia, cifosi, cefalea. Inoltre, torna utile anche in presenza di dolori reumatici anche dovuti all’età che avanza. La rieducazione posturale globale migliora ovviamente la postura del corpo per rimuovere tutte le tensioni muscolari che derivano da schemi motori abituali ma errati. Può essere realizzato anche in seguito a un incidente sportiva oppure nel post operatorio ortopedico. Inoltre, si utilizza anche nel caso di malattie degenerative come la SLA o il Parkinson.