La trappola per topi è un buon sistema per catturare I piccoli roditori che si aggirano per casa. Tuttavia, spesso capita non riuscire a catturare un topolino perché non si conoscono i metodi e i sistemi più adeguati per piazzare efficacemente la trappola. È evidente che molte persone sbagliano qualcosa per giovani la pena dare consigli utili per riuscire nell’intento con successo.

Quale esca usare

Diverse persone hanno in testa il concetto sbagliato che i topi amino mangiare il formaggio. È vero che Si cibano anche di formaggio ma per piazzare una trappola, sarebbe opportuno usare una esca diversa. Tutti editori sono attirati più facilmente prodotti freschi, acquosi e zuccherini come la frutta e la verdura.

Si può utilizzare anche un alimento secco come pane, grissini O biscotti. Un’altra soluzione ideale potrebbe essere quella di inserire nella trappola semi e granaglie che sono particolarmente apprezzati dai roditori, motivo per cui spesso gli istanti di derattizzazione Roma li utilizzano.

Dove piazzare la trappola

Un altro aspetto che spesso fa fallire una trappola per topi riguarda il luogo in cui viene sistemata. Bisogna capire che i topi e i ratti sono piccoli animali che si nascondono per evitare i predatori. Passano piuttosto lungo il perimetro della stanza invece che in mezzo, dietro sotto sotto ai mobili e altri luoghi dove sono più preparati.

Per questo motivo, una trappola per topi non va lasciata in un luogo aperto ma nascosta, preferibilmente vicino a dove è stato effettivamente avvistato il roditore

Quando controllare

I topi e i ratti sono animali sospettosi e guardinghi perciò hanno bisogno di tempo per esaminare qualsiasi oggetto prima di potresti avvicinare. Nel momento in cui viene sistemata una pratica di disinfestazione e derattizzazione Roma, ci vogliono diversi giorni perché faccia il suo lavoro.

Per evitare di spaventare i topi, bisogna assolutamente evitare di avvicinarsi alla trappola altrimenti i topi si spaventano. Inoltre, i roditori hanno un olfatto molto sviluppato e possono sentire l’onore lasciato sulla trappola restandone quindi alla larga senza che si aggiunga l’obiettivo.