L’analisi della concorrenza deve essere una tappa obbligatoria per ogni libero professionista, start-up o azienda. Vi aiuta a gestire meglio le vendite e i rapporti con la clientela. Analizzando i competitor, si può capire dove sbagliano, quali sono i loro punti forza e in cosa invece sono completamente carenti. Ma come si individuano questi competitor e chi sono realmente?

I competitor sono coloro che fanno esattamente ciò che fate voi. Se ad esempio avete un e-commerce e vendete solo cover per smartphone Samsung, saranno concorrenti diretti chi come voi, vende le stesse cover. Il campo sarà notevolmente ristretto e probabilmente vi accorgerete che non avete più di 4 o 5 e-commerce di cui dovete preoccuparvi. Attenzione però, dovete fare un’altra ulteriore scrematura. Se le vostre cover sono economiche, non più di 10-20€ l’una, di certo non saranno competitor coloro che vendono cover tempestate di diamanti e propongono cifre con due  (o più) zeri di differenza rispetto a voi.
Fate attenzione. La competizione si muove online tanto che offline. Nel caso dell’e-commerce di nicchia, come quello che ipoteticamente vende cover Samsung, probabilmente tutta la concorrenza sarà online. Se invece avete un ristorante su Roma, dovete valutare la presenza di competitor tanto online che offline. Muovetevi su internet tanto che per le strade della vostra città.

Per approfondire il discorso vi consigliamo il sito StartupoOnline.it per consulenze aziendali a Pescara e provincia